hd
fac

Ciao,

sono nata nel 1966 a Roma e ho avuto la fortuna di crescere con mia nonna, Anna Baldino, da cui ho ereditato un carattere deciso e fermo: lei è stata una figura femminile importante, la prima donna laureata nell’isola d’Ischia, la prima preside di un liceo isolano e della scuola media di Ischia ed ha promosso la cultura del suo territorio.

Io, donna – amo le mie radici e la mia famiglia. Vivo con due pappagalli ed un king cavalier Zara, che non mi lascia mai sola. Nel tempo libero gioco a tennis e, quando posso, viaggio in sella alla mia motocicletta.

Io, professionista – Era il 1991 quando ho conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università Federico II di Napoli e, da quella data, esercito la professione di avvocato in campo civile, penale ed amministrativo, maturando una vasta esperienza in vari ambiti molto delicati. Negli anni ho difeso con convinzione e forza molte donne vittime di stalking e di atti persecutori.

Impegno politico – Nel 2007 sono entrata in politica come membro del consiglio comunale di Barano d’Ischia, mio comune di origine, e sono stata la prima donna candidata sindaco nella tornata elettorale del 2012 raccogliendo il 41% dei consensi elettorali.

Impegno sociale – Ho promosso molte battaglie per la salvaguardia del patrimonio naturale dell’isola d’Ischia e per il riconoscimento del diritto alla casa, sottraendo alla demolizione disposta dal giudice penale le costruzioni oggetto di domanda di condono edilizio. Mi sono sempre interessata ai temi fondamentali della nostra società, dai trasporti alla scuola all’occupazione giovanile.

Il territorio prima di tutto. Avere ben presente la realtà in cui si vive, con tutti i problemi e le difficoltà che esistono, per poter rappresentare al meglio le istanze che provengono dalla società è uno dei punti centrali di un buon discorso politico. La scelta per le elezioni regionali deve consentire il rilancio delle nostre realtà territoriali e con l’avvocato Maria Grazia Di Scala questo obiettivo diventa raggiungibile.

FacSimile

Il mio programma

INSIEME POSSIAMO
DIRE STOP ALLE DEMOLIZIONI
Per difendere le nostre case da ogni ipotesi di abbattimento c’è bisogno di un approccio maturo al problema delle demolizioni. Ciò è possibile (e la storia recente lo dimostra) con una revisione del piano paesistico che ha determinato la paralisi di ogni attività edilizia e non favorisce la riorganizzazione del territorio. Bisogna perseguire la strada della sanatoria degli abusi edilizi, definendo le vecchie domande di condono, commissariando i comuni inadempienti e garantendo la legalità per il nostro avvenire.
Così come sarà possibile rivedere le aliquote IRPEF e le altre imposte regionali.

TRASPORTI
PIU’ EFFICIENTI
La nostra Regione merita un servizio di trasporti terrestri e marittimi efficiente che possa garantire la necessaria continuità territoriale ed offrire la giusta mobilità interna. E’ il momento di realizzare una completa riorganizzazione dei trasporti marittimi, ridimensionando il monopolio dell’armamento privato e creando un nuovo sistema integrato di trasporti che restituisca dignità ai viaggiatori e lavoratori. I servizi legati alla mobilità sul territorio devono passare necessariamente attraverso la modernizzazione del parco macchine e l’introduzione di nuovi approcci integrati che incentivino l’uso dei trasporti pubblici.o.

INSIEME POSSIAMO SVILUPPARE
TURISMO 365 GIORNI L’ANNO
L’attenzione di chi governa e deve stilare le linee di indirizzo per le attività non deve dimenticare il ruolo chiave che il turismo ha sia sull’isola d’Ischia sia in tutta la Campania. In questo ambito, vitale per la nostra Regione, bisogna riportare la politica sui binari giusti, predisponendo che i finanziamenti europei in materia turistica siano finalizzati esclusivamente alla creazione di nuovi posti di lavoro, evitando che determinino solo l’arricchimento imprenditoriale di pochi. Programmazione e controllo, queste due degli aspetti fondamentali per far sì che un territorio possa crescere e sviluppare partendo dalle proprie caratteristiche e dal proprio patrimonio da rivalutare e riscoprire. o.

INSIEME POSSIAMO ESSERE
CUSTODI DELLA NOSTRA BELLEZZA
Il territorio, l’ambiente inteso non solo come natura, ma anche come società, è e deve sempre essere il centro di ogni ragionamento. C’è bisogno di una educazione ambientale che parta prima di tutto dalle amministrazioni, per poi raggiungere i cittadini. Il nostro compito non è solo quello di essere guardiani della natura e delle bellezze che ci circondano, ma dobbiamo esserne parte integrante, in un discorso fatto di tutela e di interventi mirati. Il tutto diventa possibile con una corretta programmazione per la raccolta e la gestione dei rifiuti, la depurazione delle nostre acque, la lotta agli eco-crimini e la promozione coordinati in un sistema che garantisca qualità e sicurezza al nostro territorio